email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura Partner principalePartner principale
video

La Collezione #6 - Umberto Boccioni

Una serie di video dedicati alle opere delle collezioni del Museo

Un secolo senza Umberto Boccioni.
Nella ricorrenza del centenario della sua morte, gli rendiamo omaggio presentando una tra le tante opere pre-futuriste che possiede la Collezione del Museo: Campagna lombarda, datata 1908.

Umberto Boccioni
Campagna lombarda è una delle opere di formato grande di Umberto Boccioni che viene acquistata da Gabriele Chiattone quando Boccioni era in rapporti molto stretti con lo stampatore milanese che è poi all’origine della donazione Chiattone alla Città di Lugano. Il Museo d’arte della Svizzera italiana ha in dotazione uno dei nuclei di Boccioni più importanti del periodo pre-futurista: sono più di venti opere tra disegni, incisioni e dipinti ad olio.
Il soggetto è un paesaggio, come dice il titolo, colto in Lombardia. Sullo sfondo si intravvede un casolare, e Boccioni riesce a introdurre una particolare luce, una particolare luminosità, ricorrendo alla tecnica divisionista, tecnica che lui usa prima di passare al linguaggio futurista che caratterizza il lavoro più importante di questo artista. In primo piano ci sono dei dettagli che si possono scoprire: sull’albero troviamo una lumaca, una farfalla, e poi troviamo anche i contadini al lavoro che si nascondono un po’ sempre all’interno di questa vegetazione molto fitta che caratterizza l’intero dipinto.
La realizza nel 1908 ed è un’opera di cui lo stesso Boccioni parla all’interno dei suoi diari raccontando anche la difficoltà con cui lavora questo paesaggio en plen air di cui esistono anche tutta una serie di schizzi preparatori.